Cerca

Medicina: al Gemelli Roma soluzione chirurgica contro idrocefalo normoteso

Cronaca

Roma, 12 mag. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Uno studio pilota di neurochirurghi e radiologi del Policlinico Gemelli di Roma apre nuove prospettive nella ricerca sull'idrocefalo normoteso: il trattamento chirurgico di questa malattia determina rapidi effetti benefici nel metabolismo degli zuccheri delle cellule cerebrali, migliorando la sintomatologia. Se ne parlera' in un workshop domani all'universita' Cattolica di Roma, organizzato con il patrocinio della Societa' italiana di neurochirurgia. L'idrocefalo normoteso e' una patologia ancora largamente sconosciuta, tanto che i suoi sintomi, disturbi della memoria, difficolta' nel camminare, incontinenza, sono spesso confusi con quelli dell'Alzheimer, del Parkinson o di altre forme di demenza senile.

E' una malattia tipica dell'anziano e rappresenta circa il 5% del totale delle demenze diagnosticate negli 'over 65' - ricorda una nota dell'ateneo capitolino - con un'incidenza di circa 7 nuovi casi ogni 100.000 abitanti per anno. Ma uno studio epidemiologico norvegese del 2008, proiettabile su scala europea, ha evidenziato che la reale incidenza di tale patologia, se ci fosse una adeguata informazione, potrebbe salire a circa 22 casi su 100.000 abitanti per anno, con una marcata incidenza fra i 70 e gli 80 anni. A differenza delle altre forme di demenza, che oggi rimangono incurabili, l'idrocefalo normoteso e' una malattia reversibile con la chirurgia con prospettive di piena guarigione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog