Cerca

Bin Laden: ministero Esteri Pakistan convoca ambasciatore Usa su raid

Esteri

Islamabad, 12 mag. - (Adnkronos/AkI) - Il ministero degli Esteri del Pakistan ha convocato oggi l'ambasciatore degli Stati Uniti a Islamabad per protestare contro il raid condotto il primo maggio dalle forze Usa ad Abbottabad nel quale e' stato ucciso il leader di al-Qaeda Osama Bin Laden. E' quanto riporta il sito di notizie DawnNews. L'ambasciatore Cameron Munter e' stato convocato presso il ministero dieci giorni dopo l'operazione in quanto Islamabad ha deciso di presentare denuncia formale contro il raid condotto dagli americani sul proprio territorio.

Secondo quanto emerge, durante l'incontro il ministro degli Esteri pakistano Salman Bashir ha detto a Munter che l'operazione Usa condotta sul suolo pakistano e' stato un attacco alla sicurezza e alla sovranita' del Paese. Presentando una denuncia all'ambasciatore di Washington, Bashir ha precisato che il Pakistan ''non tollerera''' in futuro alcuna altra operazione o violazione del suo spazio aereo, riferiscono fonti a DawnNews. Nonostante definisca un successo l'uccisione di bin Laden, Bashir ha detto che il Pakistan avrebbe dovuto essere informato dell'operazione.

Il diplomatico americano, dal canto suo, ha sottolineato la necessita' di migliorare le relazioni tra i due Paesi, ma ha chiesto un chiarimento circa la presenza del leader di al Qaeda ad Abbottabad. Qui Bin Laden ha vissuto per cinque anni, a 60 chilometri di distanza da Islamabad e nei pressi di un'importante accademia militare. In merito alla violazione dello spazio aereo pakistano Munter ha detto che era inevitabile per catturare il terrorista piu' ricercato al mondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog