Cerca

Firenze: Rossi a Napolitano, solo un Paese unito ha un futuro (3)

Politica

(Adnkronos) - ''Fratelli d'Italia e' il titolo del nostro inno. E' un titolo bello perche' senza fraternita' non c'e' unita'. La fraternita' che canta il nostro inno non esclude ma include. E' una fraternita' che ha il volto dei ragazzi tunisini e dei profughi sbarcati a Lampedusa. Noi li abbiamo accolti con senso di ospitalita' - ha detto ancora Rossi - sapendo in questo di fare non solo un atto umanitario ma anche di dare un contributo ad una azione di politica internazionale. Quando si abbattono i muri della paura e del populismo egoista, quando si combatte e si vince il ''particolare'' sempre presente nella societa' italiana e si costruiscono i ponti del dialogo e della pace, della legge e del diritto, l'Italia non solo ritrova la sua unita' ma diventa protagonista in Europa, nel Mediterraneo e nel mondo''.

''Caro Presidente, La ringrazio a nome di tutti i cittadini toscani per questo Suo straordinario magistero della Costituzione e dell'Unita' del Paese. Sia esigente con noi che vogliamo apprendere dalla Sua lezione e dalla Costituzione. Oggi Lei rappresenta il volto giovane e sereno della politica; per questo tutti le vogliono bene a partire dai ragazzi che oggi sono venuti a incontrarla. Grazie Presidente'', ha concluso Enrico Rossi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog