Cerca

Firenze: Renzi a Napolitano, felici e trepidanti per la sua visita in citta' (4)

Cronaca

(Adnkronos) - ''Abbiamo dimostrato - ha aggiunto Renzi - che i fiorentini e i toscani non sono stati spettatori in tribuna ma protagonisti dell'unita' d'Italia. Queste celebrazioni hanno un senso solo pensando al nostro futuro, al nostro domani, all'idea che ciascuno di noi possa suscitare nel proprio cuore delle domande che la cultura e la musica e la comunita' esprime e tentare di darvi una risposta con la capacita' di sognare il proprio domani e non soltanto di ricordare il proprio passato''.

''Caro presidente, Firenze citta' produttrice di bellezza, portatrice sana di entusiasmo e di capace di tanti litigi e di tante divisioni, e' una citta' che le e' grata in modo particolare per aver scelto un programma nella due giorni di visite particolarmente significativo: la cornice storica con il convegno su Ricasoli; la visita ad alcune istituzioni che ci rendono orgogliosi di far parte di una storia condivisa, e soprattutto la volonta' di mettersi in gioco con i nostri studenti''.

''E' come se oggi il presidente della Repubblica fosse qui a dire a ciascuno di noi che la bellezza che ci circonda non e' una bellezza fine a se stessa ma impone a tutti noi e voi - ragazze e ragazzi che avete la fortuna di confrontarvi con il presidente - di essere capaci e degni di questa bellezza. Soltanto cosi' la politica tornera' ad avere la dignita' che le compete, soltanto cosi' le istituzioni potranno essere capaci di guardare al futuro, soltanto cosi' il cuore di Firenze potra' accogliere il cammino dell'unita' non come una vuota liturgia ma con quello spirito e ricco di entusiasmo che il presidente della Repubblica ci ha trasmesso. Grazie davvero di essere con noi'', ha concluso Renzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog