Cerca

Pakistan, kamikaze contro i militari: almeno 80 morti. Talebani rivendicano

Esteri

Islamabad, 13 mag. (Adnkronos/Aki) - Almeno 80 persone sono morte e altre 115 sono rimaste ferite nel più sanguinoso attacco sferrato in Pakistan dall'uccisione di Osama bin Laden lo scorso 2 maggio in un blitz ad Abbottabad delle forze speciali americani.

Il duplice attacco, riferiscono i media pakistani, è stato rivendicato da Tehrik-e-Taliban, il gruppo dei Talebani del Pakistan.

Nel mirino sono finite le guardie di frontiera nel distretto di Charsadda, nel turbolento nordovest del Paese. Gli attacchi sono stati sferrati da due kamikaze a bordo di moto, mentre un gruppo di reclute stava salendo a bordo di alcuni mezzi per andare in licenza.

Le vittime sono per lo più guardie di frontiera. Jehanzeb Khan, ufficiale di polizia, ha confermato all'agenzia di stampa Dpa che ''tra le vittime vi sono almeno tre civili''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog