Cerca

Roma: autista Atral, chiedo scusa mi sono fatto prendere la mano

Cronaca

Roma, 13 mag. - (Adnkronos) - "Chiedo umilmente scusa, mi sono fatto prendere la mano. Non so che dire, davvero". Lo ha dichiarato in un'intervista a 'Repubblica' l'autista dell'Atral, societa' appartenente al gruppo Cotral spa, ripreso da un passeggero mentre alla guida del mezzo pubblico parla al cellulare con la mano destra mentre con la sinistra si dedica alla configurazione del suo smartphone.

"Non so, davvero non so. -ha continuato- Mi sono lasciato trascinare dalla situazione. Chiedo ancora umilmente scusa a tutti".

Il conducente che e' stato convocato dall'azienda per dare la sua versione dei fatti, rischia chiaramente di perdere il lavoro. "Non lo so... -ha commentato- La mia storia lavorativa dovrebbe deporre a mio favore, comunque. Chiedo scusa ancora".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Cesare Infedele

    13 Maggio 2011 - 09:09

    Credete che sia l'unico? Quanti autisti dell'Atac sono incollati al cellulare per l'intera corsa. Per fortuna che i bus hanno tutti il cambio automatico. Non si spostano alle fermate, formando lunghe file di auto. Non alzano la freccia per fermarsi e ripartire. Se possono accellerare non lo fanno poichè hanno la testa altrove. La cosa più grave è che sono responsabili di decine di persone. Forse prima di fare gli autisti di bus pubblici, erano impiegati con ditte che si occupano di materiali. Tutto è finito.

    Report

    Rispondi

blog