Cerca

Sicurezza: vicecapo Polizia inaugura nuova sede Dia a Napoli (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Il procuratore generale facente funzioni Luigi Mastrominico, il comandante generale della Polizia municipale Luigi Sementa. Prima della cerimonia di inaugurazione nel salone delle conferenze e' stata ripercorsa la storia della Dia e i risultati ottenuti in circa venti anni di attivita'. Per alcuni degli investigatori presenti si e' trattato di una sorta di rimpatriata. Il vicecapo della Polizia Cirillo ad esempio e' stato il secondo direttore del centro Dia di Napoli, poco dopo la sua fondazione. Lo stesso questore di Caserta ha diretto il centro Dia di Napoli e, proprio sotto la sua direzione con l'allora colonnello Sementa (oggi comandante dei vigili urbani) arrestarono il numero uno della camorra casalese Francesco Schiavone detto Sandokan.

Il prefetto Cirillo ha elogiato i magistrati perche' "la Dia sotto la loro direzione ha raggiunto dei grandi risultati arrestando numerosi latitanti della camorra napoletana e casertana". Al momento del taglio del nastro il cardinale Sepe ha rivolto parole dure contro i boss della camorra. "Ho sempre pensato che laddove ci sia la presenza dello Stato, la malerba trova un forte contrasto. Anche la Chiesa cerca di contrastare la camorra. I camorristi sappiano che non possono fare da padrini ai battesimi, ai matrimoni e alle comunioni. E dopo la loro morte non potranno passare in chiesa, ma andranno direttamente al cimitero".

Complessivamente la Dia di Napoli sotto le varie direzioni, in circa venti anni e fino ad oggi ha arrestato complessivamente 1.227 affiliati ai clan. Sono 356 nel quadriennio '92-'96, 364 nel quadriennio '97-2001, 280 nel quadriennio 2002-2006 e 227 dal 2007 fino ai primi 4 mesi del 2011. In circa venti anni di attivita' la Dia di Napoli ha sequesstrato beni per circa 3 miliardi di euro, arrestato 18 latitanti inseriti nell'elenco dei 30 ricercati piu' pericolosi. Prima di arrivare nella nuova sede di via Galileo Gerraris la Dia di Napoli era stata in via Posillipo e poi in via Pontano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog