Cerca

Energia: Abruzzo, interrogazione Api su Gasdotto e centrale turbogas

Economia

L'Aquila, 13 mag. - (Adnkronos) - Per dire 'No' al gasdotto e alla centrale turbogas 'Snam Rete Gas spa' e'' stata presentata al Presidente della Regione e all'Assessore regionale all'ambiente una interrogazione urgente dal Consigliere regionale Gino Milano (Api) per sapere se intendano ancora perpetuare una non piu' tollerabile situazione di stallo, immobilismo e poco decorosa ambiguita' per l'istituzione regionale, eludendo la responsabilita' incombente in ordine alla problematica esposta ed evitando di adempiere al dovere di fare chiarezza, affermando se il governo regionale e' politicamente favorevole o meno alla realizzazione dell'opera e in particolare della costruzione della centrale di compressione nel territorio sulmonese,in provincia dell'Aquila, anche alla luce delle recenti comunicazioni preoccupate del mondo scientifico ed accademico in merito ai conseguenti pericoli e danni per l'ambiente e le persone.

Il Consigliere dell'Api ha chiesto inoltre di conoscere quali iniziative il Presidente della Giunta regionale e gli assessori competenti intendano prendere nei confronti del Governo nazionale al fine di sollecitare lo svolgimento degli opportuni accertamenti finalizzati a verificare ed eventualmente pretendere il rispetto delle direttive 42/2001/CE (Valutazione Ambientale Strategica), 92/43/CEE (salvaguardia degli habitat naturali e semi-naturali, fauna e flora), 85/337/CEE e 97/11/CE (Valutazione di Impatto Ambientale) con i conseguenti provvedimenti del caso..

E ancora, quali siano le ''insuperabili criticita''' che hanno indotto la Snam a rivedere il progetto iniziale che prevedeva il raddoppio del gasdotto sulla costa adriatica e quindi le reali motivazioni che hanno fatto si' che il tracciato sia stato dirottato lungo la dorsale appenninica dove incontra criticita', non esistenti sul versante adriatico, quali la presenza di aree di particolare e delicata importanza come tre parchi nazionali, un parco naturale regionale, 21 siti di importanza comunitaria e zone a rischio sismico; se la Regione Abruzzo intende attivarsi per concordare con Snam Rete Gas SpA la verifica di un tracciato diverso che escluda la dorsale appenninica ricca di aree boschive e numerose aree protette, evidenziando la contraddittorieta' e inspiegabilita' della decisione di dirottare il metanodotto sulla dorsale appenninica rispetto all'originario progetto non a caso denominato ''Rete Adriatica''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog