Cerca

Milano: Luther King, Greppi e cardinale Martini nel pantheon di Pisapia

Politica

Milano, 13 mag. - (Adnkronos) - Ci sono Martin Luther King, il sindaco Greppi e il cardinale Carlo Maria Martini nel pantheon di Gliuliano Pisapia, candidato del centrosinistra a sindaco di Milano che chiude la sua campagna elettorale in Piazza Duomo, dove si terra' il concerto di Roberto Vecchioni. Pisapia, nel suo discorso, cita infatti Martin Luther King con la "feroce urgenza dell'adesso" per motivare la sua decisione di candidarsi. Per descrivere la sfida che Milano dovra' affrontare nei prossimi anni il candidato sceglie un'immagine suggestiva legata alla storia della citta': quella appunto del sindaco Greppi che, appena finita la guerra, decise di far ripartire Milano dalla ricostruzione di un luogo simbolico, il Teatro alla Scala.

Pisapia cita anche il cardinale Martini come paradigma di un modello attivo di vera sicurezza sociale: "Chi non e' figlio della casa dei diritti non puo' essere figlio della casa dei doveri". E ancora, esprime riconoscenza al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, "per il ruolo di garanzia e di stimolo che sta svolgendo da anni affinche' il confronto politico si ispiri ai valori della Costituzione, della democrazia, e nel rispetto fondamentale della dignita' umana e morale".

I numeri della campagna che Pisapia ricorda fanno riferimento alle 1000 persone per l'Officina della citta' per l'elaborazione del programma, ai 3000 volontari, a piu' di 30 comitati spontanei sparsi sul territorio: "? stato - dice - un bagno di democrazia, di partecipazione, di felicita'". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog