Cerca

Editoria: Palenzona, via le banche? Io invito a ragionare e ci vogliono regole

Economia

Bagnaia (Siena), 14 mag. (Adnkronos) - "Io dico che ci vogliono delle regole. Io non dico che bisogna uscire o entrare". Cosi' Fabrizio Palenzona, vicepresidente di Unicredit, ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano se il senso del suo intervento al convegno di Bagnaia andasse letto come un invito alle banche ad uscire dall'azionariato delle case editrici di giornali."Se si affermano delle regole in base alle quali puo' esistere un editore puro, sull'esempio americano o tedesco, io sarei piu' contento. Questo non vuol dire che se uno esce entra l'altro", ha detto sempre Palenzona ai giornalisti. "E' una questione di regole", ha precisato".

Palenzona e' tornato anche sull'accenno da lui fatto sul dovere costituzionale del libero convincimento dei cittadini, sul quale ha un ruolo fondamentale la stampa: "E' scritto nella Costituzione. La liberta' di stampa, che vuol dire di comunicazione e di informazione, con i mezzi moderni, che all'epoca in cui fu scritta la nostra Costituzione era sostanzialmente la stampa, dice che per esserci la democrazia occorre un consenso informato e volontario. E se non c'e' l'informazione libera, non c'e' il consenso informato e volontario e quindi non c'e' la democrazia, per questo cio' e' tutelato".

Quindi, hanno chiesto i giornalisti, non c'e' un invito esplicito da parte sua alle banche ad uscire dall'editoria? "C'e' un invito -ha risposto Palenzona- a ragionare su regole condivise per cui il piu' possibile esistano dei giornali che siano o di editori puri o in mano a gruppi non personali di azionisti, di fondazioni o di diffuso azionariato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog