Cerca

Taranto: sbancamento non autorizzato in area protetta, sequestrata vasta area

Cronaca

Taranto, 14 mag. - (Adnkronos) - Militari del Nucleo Operativo ecologico di Lecce hanno scoperto e sequestrato in localita' 'Amici' a Grottaglie, nel tarantino, in una zona ricompresa nel parco regionale 'Terre delle Gravine', un'area estesa circa 70 mila metri quadrati all'interno della quale si stava effettuando un'attivita' estrattiva abusiva di blocchi di tufo. Questo avveniva, nonostante fosse stata gia' ordinata la sospensione dei lavori da parte del Servizio attivita' estrattive della Regione Puglia che aveva accertato la scadenza della autorizzazione prevista fin dal 2007. L'operazione del Noe e' stata condotta in collaborazione con la Polizia Municipale di Grottaglie.

Durante l'ispezione sono state sequestrate anche due macchine cavatufi, una pala con benna, un generatore elettrico ed un rimorchio. Al termine del controllo due persone sono state deferite a piede libero alla Procura della Repubblica di Taranto. Si tratta del proprietario del terreno e dell'imprenditore che stava 'coltivando' la cava. Le ipotesi di reato contestate sono di inottemperanza all'ordinanza di sospensione dell'attivita' estrattiva, di trasformazioni permanenti del suolo non autorizzate e di conferimento di rifiuti speciali, costituiti da terre e rocce di scavo per 1000 metri cubi all'interno della cava senza autorizzazioni.

Sono emerse, poi, ulteriori violazioni: non aver predisposto il documento di stabilita' dei fronti di cava, l'aver esercitato l'attivita' estrattiva non autorizzata in area sottoposta a vincoli, non aver depositato il documento di sicurezza e salute dei luoghi di lavoro e non aver presentato denuncia di inizio lavori alle autorita competenti e agli organi di vigilanza. Il valore complessivo dei beni sequestrati e' di circa 600 mila euro. Il Noe ha informato le autorita' amminsitrative.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog