Cerca

A Cannes arriva il 'pirata' Depp e la Cruz incanta.

Spettacolo

Roma, 14 mag. (Adnkronos/Cinematografo.it) - "Una combinazione tra una star rock & roll del XVIII secolo, stile Keith Richards, e uno skunk, un mascalzone molto romantico". Parola di Johnny Depp, Jack Sparrow è questo: i 'Pirati dei Caraibi' sbarcano sulla Croisette (Fuori concorso) con 'Oltre i confini del mare', il quarto capitolo della saga diretto da Rob Marshall, sempre prodotto da Jerry Bruckeimer e interpretato dal Barbossa Geoffrey Rush e le new entry Penelope Cruz, nei panni della piratessa Angelica, Barbanera Ian McShane, la sirena Astrid Berges-Frisbey e il giovane sacerdote Sam Claflin.

Da noi arriverà in sala il 18 maggio, per ora i riflettori di Cannes: sala stampa stracolma - in molti i giornalisti rimasti fuori - e flash all'impazzata, la Pirati-mania travolge il festival, mentre Bruckeimer guarda al portafogli e parla di 'sfida favolosa' e il nuovo 'capitano della nave' Rob Marshall confessa "di aver da sempre voluto fare un family-adventure come questo".

Tutti felici e contenti? Parrebbe di sì: "Un personaggio forte è già una storia forte", chiosa Depp, vestito con gilet, cappello e lenti azzurrate in stile "pirata di terraferma", mentre la fresca mamma Cruz rassicura: "Abbiamo girato per due mesi a L.A.: ho imparato le coreografie, e fatto quel che ho potuto. Tutti sono stati molto protettivi" e si merita uno "straordinaria fisicità, è una grande danzatrice" dal regista.

L'action, insomma, non l'ha spaventata: "Tra azione, effetti visivi e Johnny mi sono sentita molto comoda. E onorata di essere l'unica piratessa: ero fan della saga, ora ne faccio parte".

La cosa più difficile? "Fare una scena drammatica di fronte a Johnny?". Che, viceversa, accantona l'action e si fa formato famiglia, parlando dei suoi bambini (avuti da Vanessa Paradis, ndr): "Vedono i miei film più loro di quanto non faccia io. E io me ne servo per testare i miei personaggi: dalle loro reazioni capisco se funzionano o meno".

Ha partecipato attivamente allo script, Depp, ma non è l'unico suo segreto. "Ti giri, lo guardi negli occhi e sai che c'è: Johnny, non smette mai di creare". Lo dice Marshall, e Jack Sparrow gli manda un bacio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog