Cerca

Caso Aldrovandi: legale famiglia Federico, in appello mi aspetto conferma condanna

Cronaca

Bologna, 14 mag. - (Adnkronos) - Dal processo di secondo grado davanti alla Corte d'Appello di Bologna che si aprira' lunedi' prossimo sul caso Aldrovandi "mi aspetto una conferma della condanna". E' quanto spiega all'ADNKRONOS l'avvocato Fabio Anselmo che assiste la famiglia di Federico Aldrovandi, morto nel 2005 a 18 anni, durante un controllo della Polizia. Il legale si attende quindi una conferma della condanna a 3 anni e 6 mesi (l'accusa aveva chiesto 3 anni e 8 mesi) per i quattro poliziotti che intervenirono quella mattina all'alba nel centro di Ferrara, lungo via Ippodromo, dove Federico stava camminando a piedi, da solo, per tornare a casa dopo un'uscita con gli amici.

Secondo Anselmo "le richieste della difesa sono legittime astrattamente, ma non ci sono assolutamente i presupposti, perche' e' gia' stato accertato in primo grado che la loro citazione della letteratura scientifica in merito all'excited delirium non solo non sosteneva la loro tesi, ma al contrario avallava la nostra". Ad ogni modo, in secondo grado il giudice dovra' valutare le istanze dei difensori dei 4 poliziotti condannati in primo grado, tra cui la richiesta di una nuova perizia sulle cause della morte di Federico.

"Ho grandissima fiducia - spiega Patrizia Rossetti, mamma di Federico, che lunedi' sara' in aula a Bologna, insieme al marito Lino - e mi auguro che la pena sia la piu' drastica possibile". "Sono loro i colpevoli - aggiunge la signora Rossetti, riferendosi ai 4 agenti - non ci sono dubbi. Hanno sfogato una violenza inaudita nei confronti di un ragazzo che non stava facendo nulla".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog