Cerca

Mafia: Vendola, Lombardo indagato pone problema decenza politica

Politica

Palermo, 14 mag. - (Adnkronos) - "Gli uomini pubblici possono essere interessati dalle inchieste giudiziarie e questo fatalmente puo' accadere, ma un conto e' l'iscrizione nel registro degli indagati per abuso d'ufficio, un conto per reati di mafia, un altro il rinvio a giudizio per reati legati alla mafia". Lo ha detto il leader di Sel, Nichi Vendola, conversando con i giornalisti a Palermo a proposito dell'inchiesta giudiziaria che coinvolge il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo.

"Questo in una terra come la Sicilia - ha aggiunto - propone un problema di decenza della politica e di credibilita' delle istituzioni". E a proposito dell'appoggio del Pd all'Esecutivo Lombardo ha aggiunto: "Penso che questi giri di walzer del Parito democratico siano una fuga dei propri doveri pubblici e dalle proprie responsabilita' di ricostruire in Sicilia un idea di speranza della politica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog