Cerca

Basket, il 'mago' Bargnani tra presente e futuro: farò il general manager

Sport

Roma, 14 mag. (Adnkronos) - Ambasciatore del basket italiano, pilastro della Nazionale che punta agli Europei, insegnante per hobby. E in futuro, tra una decina d'anni, general manager.

Andrea Bargnani ricarica le pile dopo la lunghissima stagione Nba con la maglia dei Toronto Raptors. Sotto il sole del Foro Italico, dove l'azzurro segue gli Internazionali di tennis , tra richieste di foto e autografi c'è spazio per riavvolgere il nastro del 2010-2011. Niente playoff per i Raptors, nonostante i 21,4 punti a partita del 'mago'. "Non è andata bene, non si può essere contenti se si vincono 22 partite su 82 e se si incappa in 13 sconfitte di fila. Non mi era mai capitata una striscia negativa del genere, è frustrante", dice Bargnani all'ADNKRONOS. A livello individuale, però, il bicchiere è decisamente più pieno. "Se mi guardo indietro e ripenso a 5 anni fa, quando sono sbarcato nella Nba, mi sembra di aver fatto qualcosa di inimmaginabile. Era difficile spingersi troppo in là con gli obiettivi e pensare che sarei stato così in alto tra i realizzatori", dice il lungo 25enne. Eppure, a fine anno da Toronto sono arrivate le critiche del general manager Bryan Colangelo. "Andrea è l'enigma degli enigmi", ha detto il dirigente. Bargnani non ha fatto una piega, gestendo la situazione con equilibrio. "Io sono il giocatore di riferimento della squadra. Quando le cose vanno bene, può capitare che io sia il giocatore più elogiato". "Quando i risultati non arrivano, è altrettanto normale che arrivino le critiche. Non c'è nessun problema particolare per le parole di Colangelo - osserva -: la mia stagione non può essere valutata in maniera soggettiva. Il mio rendimento è lì, è oggettivo. I numeri sono lì. Come è oggettivo il modo in cui sono arrivate le critiche poco coraggiose. Non c'è bisogno di rispondere". "Io - chiarisce - affronto il futuro in maniera serena, ho un contratto lungo (fino al 2015, ndr) e so altrettanto bene come funziona la Nba, dove qualsiasi giocatore può essere scambiato in qualsiasi momento. Al di là di queste considerazioni, adesso è un momento particolare per la lega con il lockout che incombe", dice facendo riferimento alla serrata che, con ogni probabilità, scatterà per il braccio di ferro tra proprietari e giocatori sul nuovo contratto collettivo.

Il momento è particolare anche per i Raptors: il contratto di Colangelo è in scadenza e ancora non è stato rinnovato. "C'è una situazione di incertezza", dice archiviando la questione.

Da spettatore, Bargnani si sta gustando i playoff. "Nella Western Conference mi piacciono molto gli Oklahoma City Thunder, dall'inizio ho detto che avrebbero fatto molto bene. Oklahoma sarebbe la squadra per me? No, io una squadra ce l'ho e mi piace", dice.

Nella Eastern Conference, in finale si sfidano i Chicago Bulls di Derrick Rose, Mvp della regular season, e i Miami Heat di LeBron James e Dwyane Wade: "Rose è un giocatore stellare, è incredibile. Chicago è una squadra compatta, completa, ben allenata. Mi incuriosisce vedere come si comporterà Miami: tutti stanno addosso agli Heat, adesso sono arrivati quasi in fondo".

Mentre la maratona Nba sta per arrivare al traguardo, il 'mago' si prepara all'estate azzurra. A fine agosto si vola in Lituania per gli Europei con la Nazionale del ct Simone Pianigiani: "Possiamo far bene, siamo un gruppo di valore. Abbiamo qualità ma, allo stesso tempo, non dobbiamo montarci la testa. Se facciamo un passo alla volta, possiamo toglierci soddisfazioni".

Prima di indossare la maglia della Nazionale, il romano salirà in cattedra per la seconda edizione della 'Mago Summer Academy', in programma a Jesolo dal 26 giugno al 9 luglio. "Mi diverto tantissimo ad insegnare ai bambini e ai ragazzi, è bellissimo vedere quanto siano soddisfatti di imparare in campo". Parole da futuro coach? "No, affatto. Non mi piacerebbe assolutamente fare l'allenatore. Ora mi diverto ad insegnare ai ragazzi, ma fare il tecnico è un'altra cosa". Quando appenderà le scarpe al chiodo, che farà? "Il general manager, chiaro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog