Cerca

Le 'pagelle del mago', Bargnani pazzo di Federer e Verdone

Sport

Roma, 14 mag. (Adnkronos) - Roger Federer meglio di Rafa Nadal, Carlo Verdone meglio di Barack Obama, Twitter meglio di Facebook. E meglio di Romanzo Criminale, in tv, non c'è niente. Fuori dal campo di basket, Andrea Bargnani si diverte a compilare il 'pagellone del mago' tra tennis, web e tv.

Nella cornice del Foro Italico, dove il pilastro dei Toronto Raptors e del basket azzurro segue con interesse e passione gli Internazionali d'Italia, è inevitabile partire dal 'capitolo racchetta'. "Mi piace Federer", dice Bargnani all'ADNKRONOS. "Lo svizzero è un fenomeno. Non sarà il numero 1 del mondo, ma ha una classe immensa. Tutti gli anni vengo qui al Foro Italico a vederlo con la speranza che arrivi in finale e vinca il torneo. Ma la terra battuta non è la sua superficie preferita: sul rosso, è difficile far meglio di Rafa Nadal", dice. "Lo spagnolo è fortissimo e quest'anno al top c'è anche Djokovic. Io, però, continuo a preferire Federer: ha uno stile splendido", dice Bargnani, 'assediato' dai tifosi che reclamano autografi e foto.

"Mi piace avere un contatto con chi mi segue. Riesco a farlo soprattutto attraverso il web", dice l'azzurro, che interagisce attraverso Twitter, Facebook e il suo sito (www.bargnani.com). ''E' chiaro, durante la stagione non c'è tanto tempo per interagire: si gioca sempre o si viaggia, non c'è spazio per altro. Ma quando posso mi piace usare Twitter per rispondere alle domande di chi mi segue", dice il romano, che sull'argomento 'social network' assume una posizione 'americana'. "Dall'altra parte dell'Oceano, Twitter è più usato di Facebook. E penso che, alla lunga, decollerà anche qui. In America è uno strumento di comunicazione che viene usato in maniera produttiva anche dalle star dello sport. E anche a me piace perché c'è un contatto immediato e elementare con i tifosi", aggiunge il romano.

Il made in Italy torna al top quando si parla di tv. "Mi è piaciuto moltissimo Romanzo Criminale. Pensavo che la seconda serie, senza il Libanese, sarebbe stata inferiore alla prima. E invece è stata all'altezza, ho trovato bravissimi gli attori. Chi preferisco tra i personaggi? Il 'secco'... gestisce i soldi e resta vivo...", dice sorridendo.

Se deve scegliere l''Idolo' con la 'i' maiuscola, però, punta sul classico: "Carlo Verdone", con cui in passato ha dato spettacolo al tavolo da ping-pong. "Meglio il basket con Obama? Non scherziamo, Verdone è il top...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog