Cerca

Amministrative: Gubbio: unico comune in cui non si vota per festa Ceri (4)

Cronaca

(Adnkronos) - Alle 8.30, presso la chiesetta di San Francesco della Pace, detta "dei Muratori", viene celebrata la Messa. Appena terminata la messa, un bambino estrae da un'urna, detta "Bussolo", i nomi dei Capitani che guideranno la festa due anni dopo. Alle 9.30 ha inizio il "corteo dei Santi", ovvero le tre statue che coroneranno i ceri sono portate in processione per le vie della citta', fino al Palazzo dei Consoli, dove gia' ci sono i ceri ad attenderli. Dopo questa processione, i ceraioli si ritrovano in via Baldassini, sotto gli arconi del Palazzo dei Consoli, per consumare la tradizionale colazione a base di baccala' alla ceraiola.

Alle 10.00 a Porta Castello vengono distribuiti dei "mazzolini di fiori", che i ceraioli si appuntano sul nodo del fazzoletto che gli cinge il collo. Da questo luogo prende vita il corteo di tutti i ceraioli che, attraversando le vie del centro storico, arrivera' in Piazza Grande. Alle 11.30 Si svolge in Piazza Grande la cosiddetta "Alzata" dei ceri. I capodieci (in piedi sulla barella sopra la folla) si gettano in avanti per consentire al cero una leva che lo alzera' da terra, e lanciano tra la folla un'anfora in ceramica detta "brocca". I ceri iniziano la loro corsa in onore di S. Ubaldo.

Alle 18.00 in punto inizia la Corsa dei Ceri. I Ceri percorrono le vie cittadine. Dopo 2 soste, tornano in cima al monte Ingino nella basilica di Sant'Ubaldo. In particolare, l'ultima tratta del percorso si svolge interamente in salita e viene percorsa in circa nove minuti. L'ordine di partenza e di arrivo e' prestabilito e non puo' essere alterato durante la corsa: e' sempre il Cero di Sant'Ubaldo ad entrare per primo nella basilica, seguito da quello di San Giorgio ed infine da sant'Antonio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog