Cerca

Toscana: Nencini, lotta all'evasione fiscale anche a scuola con il teatro (3)

Cronaca

(Adnkronos) - Ma tra una risata e una battuta c'e' modo anche di insegnare ai ragazzi che senza tasse non potrebbero esserci tanti servizi, che e' giusto ridurre gli sprechi della pubblica amministrazione ma che non bisogna generalizzare, che la democrazia ha comunque i suoi costi e che se tutti pagassero le tasse forse le tasse potrebbero anche diminuire. Il tenente azzarda anche una spiegazione sociologica per il malcostume, in gran parte italiano, del non pagare le tasse: ''Siamo una nazione relativamente giovane, a lungo dominati da questo e da quello e anche dopo l'Unita' molti al sud si sono sentiti colonizzati dal nord e molti al nord si sono sentiti sfruttati dal sud. Lo stato per troppi anni e' stato sentito come un'entita' straniera, lontana, nemica e questo ha ritardato e sta ritardando l'affermazione del nostro senso civico''.

I cinesi a Prato, le 'cartiere' degli italiani - Durante il blitz teatrale si parla anche dei cinesi e dei capannoni di Prato, ''dove boss spregiudicati tengono centinaia di persone a lavorare e dormire, senza c arta d'identita', senza pagare contributi, che e' gia' e' grassa se gli danno un po' di paga sotto pagata, e quando muoiono li fanno sparire nel nulla e li sostituiscono con qualche altro clandestino, che siccome e' clandestino si ricatta meglio''. ''Una vera e propria industria dell'evasione - si sottolinea -: commerciano senza fatture e a prezzi talmente irrisori che fanno morire le altre aziende''.

Va detto che non sono solo gli stranieri a comportarsi cosi'. ''Ci sono italiani, con le 'cartiere' ovvero con finte societa', che fanno di tutto per non essere da meno'' spiega sempre il tenente ai ragazzi. Ma e' una realta' con cui fare i conti. Il dono della poesia Alla fine Carlo l'evaso sara' smasch erato. Ma non finira' in prigione. Il tenente, colpito dall'appeal del galeotto sui giovani e dalla recitazione a memoria di una lunga serie di terzine della Divina Commedia di Dante, lo ingaggera' infatti proprio per parlare di tasse agli studenti. E la fiction teatrale torna realta'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog