Cerca

Bolzano: firmato patto di stabilita' tra Provincia e Camera Commercio

Economia

Bolzano, 17 mag. (Adnkronos/Labitalia) - La fissazione del saldo di esercizio da raggiungere a fine 2011, l'organico invariato rispetto al 2010, l'opzione per ulteriori trattative su personale e budget nel caso di assunzione di nuove competenze: questi i punti centrali dell'intesa sul patto di stabilita' provinciale per il 2011 siglato ieri sera (16 maggio) a Bolzano dal presidente della Provincia Luis Durnwalder e dal presidente della Camera di commercio Michl Ebner.

La Camera di commercio si impegna a contenere le spese mediante la razionalizzazione della struttura organizzativa, la promozione di soluzioni di e-government e l'eventuale esternalizzazione di servizi non ritenuti strategici. Il sistema di calcolo del patto prevede che a fine 2011 la Camera di commercio dovra' raggiungere un saldo di esercizio di 1,773 milioni di euro, circa 250mila in piu' del 2010. La spesa sostenuta per consulenti ed esperti viene ridotta del 5% rispetto al 2010. Sono invece esclusi dal patto di stabilita' i costi sostenuti per le aziende speciali Eos, l'organizzazione che promuove l'export, e Ipse, istituto che promuove lo sviluppo economico. Non ricadono nel patto anche le spese di investimento per aumentare il fondo in dotazione delle aziende speciali e le spese connesse con le funzioni delegate.

Con il nuovo patto di stabilita' la Camera di commercio si impegna a non aumentare l'organico di 133 unita', tra persone con contratto a tempo determinato e indeterminato e collaboratori continuativi, nel corso del 2011. Un'eccezione, sia riguardo ai costi che al personale, e' prevista sono in caso di trasferimento di nuove competenze alla Camera di commercio: "In questa eventualita' sara' una commissione a decidere se e come potranno essere modificati i parametri delle spese e dell'organico", sottolinea il presidente Durnwalder.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog