Cerca

Milano: Lega tra delusione e 'mea culpa', tregua fino a ballottaggio/Adnkronos (3)

Politica

(Adnkronos) - ''In casa Pdl, pero', bisogna fare correzioni di rotta a 180 gradi. Certo, se a Milano ci dovesse essere una debacle, sicuramente avrebbe un notevole peso sulle scelte future della Lega, perche' il capoluogo lombardo e' la nostra capitale'', sottolinea ancora Borghezio.

In pochi ora nella Lega credono ad altri governi (si parla con insistenza di un esecutivo Tremonti-Maroni), perche' si tratta ''di cose che riguardano il futuribile''. Ogni resa dei conti e' rinviata a dopo il ballottaggio. Intanto, il Carroccio avverte i suoi alleati e il premier: ''A Milano i soldati politici della Lega sono pronti a combattere, ma solo se alle loro spalle ci sono altri soldati, perche' se, invece, uno scherza, l'altro ride e gioca a flipper, non si va da nessuna parte''.

Matteo Salvini getta acqua sul fuoco: "Mi auguro che il ballottaggio non si trasformi in un referendum pro o contro Berlusconi". Il capogruppo leghista a Palazzo Marino assicura che l'impegno per i ballottaggi e' garantito: la Lega "si spendera' al 101 per cento". Ma non risparmia una stoccata alla Moratti: ''Occorre ora condurre una campagna elettorale sui temi concreti e non sulle vicende degli anni '70".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog