Cerca

Imprese: con crisi diminuiscono risparmi lombardi per mantenere attivita'

Economia

Milano, 17 mag. - (Adnkronos/Labitalia) - Con la crisi, i risparmi dei lombardi diminuiscono per mantenere l'impresa: tra il 2010 e il 2009 nei capoluoghi regionali la variazione dei depositi si ferma a +2,1%, contro il +17,4% registrato lo scorso anno. Una diminuzione dei risparmi strettamente legata al fatto che in tempo di crisi circa il 60% degli imprenditori lombardi ha fatto ricorso al proprio patrimonio, e quindi ha ridotto il proprio conto in banca, per sostenere l'impresa. E' quanto emerge da elaborazioni dell'Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza e del comune di Monza su dati Banca d'Italia e Istat.

In Brianza, il deposito medio per abitante si ferma a piu' di 15mila euro, con una contrazione dei depositi nell'ultimo anno pari a -0,6%, con i piu' grandi comuni imprenditoriali Seregno e Desio che raggiungono punte di -18% e -12,3%. Monza e' in controtendenza: il deposito medio per abitante nel comune capoluogo e' di oltre 30mila euro, con una crescita complessiva in un anno pari a +4,6%. Monza nella classifica dei capoluoghi lombardi piu' ricchi e' anche quella cresce di piu' rispetto a Milano (+1,7%), Brescia (nessuna variazione) e Bergamo (+2,6%). (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog