Cerca

Immigrati: Rossi, il 'modello toscano' per un Mediterraneo piu' solidale

Cronaca

Firenze, 17 mag. - (Adnkronos) - ''Prima si accoglie chi ha bisogno, poi gli si da' da mangiare e solo dopo gli si domanda gli e'''. Intervenendo al convegno fiorentino della Fondazione Giovanni Paolo II (''Il Mediterraneo e le citta'''), il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha cosi' sintetizzato, lodandolo, il comportamento avuto in Toscana dalle forze dell'ordine nei giorni dell'accoglienza degli immigrati tunisini.

''Sbarcati gli immigrati dalla nave - ha spiegato Rossi - c'era da procedere alle pratiche di identificazione: con grande saggezza e' stato evitato di concentrare in un solo luogo centinaia di uomini che, invece, sono stati inseriti in tante piccole comunita'; e' stata data loro una immediata accoglienza e solo dopo si e' proceduto alle pratiche di riconoscimento''.

In una iniziativa, sostenuta dalla Regione Toscana, che in modo inevitabile ha rinviato agli storici colloqui euromediterranei di Giorgio La Pira (una trentina gli ambasciatori presenti da molti Paesi delle rive mediterranee, quasi 80 giovani borsisti da 26 Paesi, esponenti qualificati delle tre religioni monoteiste, molti docenti universitari) Enrico Rossi ha sottolineato come sia impossibile, e inutile, ''ripetere meccanicamente La Pira ma e' necessario andare oltre per essere davvero fedeli al suo insegnamento''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog