Cerca

Iran: donna accecata con acido, 2 mln euro per rinunciare a legge taglione

Esteri

Teheran, 17 mag. - (Adnkronos/Aki) - Rinuncia ad applicare la legge del taglione in cambio di un risarcimento in denaro di due milioni di euro. E' la richiesta avanzata da una donna iraniana, Ameneh Bahrami, per non vendicare la terribile aggressione subita nel 2004, quando venne sfigurata con l'acido e ridotta quasi alla cecita' da Majid Movahedi, l'uomo che aveva rifiutato di sposare.

La Bahrami, in un'intervista al quotidiano 'Arman', ha affermato di essere disposta a rinunciare al suo diritto di applicare la 'qesas', la legge del taglione, se ricevera' una somma pari a due milioni di euro "per cominciare una nuova vita". La donna, 32 anni, attualmente vive in Spagna, ma ha fatto ritorno in Iran per eseguire personalmente la condanna all'accecamento, mediante acido versato negli occhi, inflitta a Movahedi.

L'esecuzione della condanna, prevista la scorsa settimana, era stata rinviata dalle autorita' iraniane a data da destinarsi, anche per le forti proteste di alcune organizzazioni internazionali per i diritti umani. La pena-choc era stata comminata a Movahedi da un tribunale di Teheran nel novembre 2008.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog