Cerca

Carceri: Torino, accompagnato da madre malata a Milano, evade detenuto

Cronaca

Torino, 17 mag. (Adnkronos) - Un detenuto in permesso ha strattonato gli agenti che lo scortavano ed e' fuggito. E' successo questo pomeriggio, intorno alle 17 a Milano: il detenuto, G.Z. di 32 anni, aveva avuto un permesso "per gravi motivi" e dal carcere di Ivrea, nel torinese, era stato accompagnato a Milano per far visita alla madre gravemente ammalata. Ma una volta giunto nel capoluogo lombardo ha aggredito gli agenti e si e' dato alla fuga. L'uomo era in carcere per rapina dove avrebbe dovuto restare fino al 2013. Ora la polizia lo sta cercando. A riferire l'episodio e' il segretario nazionale dell'Osapp, il sindacato autonomo di polizia penitenziaria, Leo Beneduci.

"Quello delle evasioni, unitamente agli episodi di suicidio - dichiara Beneduci - e' un altro dei prezzi che la polizia penitenziaria paga per errori, inefficienze e incapacita' che sono invece da attribuire all'intero sistema".

Il segretario dell'Osapp sottolinea che sempre piu' le traduzioni dei detenuti vengono fatte sotto organico, "dalla meta' degli uomini - osserva - che si utilizzavano quando il servizio veniva svolto dall'arma dei carabinieri. Per garantire una maggiore sicurezza e funzionalita' del carcere e a tutela della collettivita' - conclude Beneduci - c'e' la necessita' che il ministro Alfano, fino a oggi scarsamente presente, metta subito mano alla riorganizzazione e alla riforma della polizia penitenziaria".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog