Cerca

Mafia: Brusca, Berlusconi pagava pizzo di 600 mln al mese

Cronaca

Roma, 18 mag. - (Adnkronos)- "Berlusconi pagava una 'messa a posto' di 600 milioni al mese a Stefano Bontade e successivamente a Toto' Riina". Lo ha detto il pentito Giovanni Brusca nel corso della deposizione nel processo del rapporto tra Stato e mafia nell'aula bunker di Rebibbia.

"Aveva smesso di pagare - spiega Brusca - e gli venne fatto un attentato. Il mandante era Ignazio Pullara'. L'attentato fu programmato perche' ricominciasse a pagare il pizzo".

Il pentito ha poi sottolineato che "a Milano non era solo Berlusconi che pagava".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog