Cerca

Strauss-Kahn: polizia teme che qualcuno compri silenzio presunta vittima

Esteri

New York, 18 mag. (Adnkronos) - La polizia di New York che sta indagando sulla vicenda Strauss-Kahn teme che persone vicine al direttore dell'Fmi tentino di convincere la presunta vittima della violenza sessuale a non collaborare piu' con gli investigatori, comprando il suo silenzio. E' quanto scrive il quotidiano New York Post, citando fonti della polizia. La donna si trova ora in un luogo protetto, sotto la custodia dell'ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan.

Le misure di sicurezza, scrive il NY Post, sono particolarmente rigide e prevedono anche l'intercettazione delle telefonate della donna, per tenerla lontana da eventuali tentativi da parte dell'entourage di Strauss-Kahn per spingerla a non collaborare piu' con gli inquirenti.

Uno degli avvocati che hanno tentato di contattare la donna per offrirsi in veste di suo difensore, ha spiegato al quotidiano che un eventuale silenzio della 32enne originaria della Guinea potrebbe valere almeno sei milioni di dollari. L'avvocato Jeffrey Shapiro, il difensore della donna, ha chiarito che al momento "non c'e', ne' e' contemplato alcun procedimento civile" per un eventuale risarcimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog