Cerca

Torino: riti voodoo per constringerla a prostituirsi, due arresti

Cronaca

Torino, 18 mag. - (Adnkronos) - Violenze, riti voodoo e bevande tossiche per costringerla a prostitruirsi. E' il metodo adottato da una coppia di nigeriani per costringere una connazionale di 22 anni a prostituirsi. I due, marito e moglie di 28 e 34 anni, sono titolari di un african market a Torino e sono stati arrestati dalla polizia per tratta di persone, sfruttamento della prostituzione e riduzione in schiavitu' nonche' favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

A farli arrestare e' stata proprio la ventiduenne nigeriana che aveva chiesto aiuto al Commissariato di Barriera di Milano. E' un'altra storia di poverta' e disperazione quella che la giovane ha raccontato agli agenti: originaria di una zona molto povera della Nigeria, dopo la morte del padre e del fratello negli scontri etnico-tribali che sconvolgono il Paese aveva sognato di raggiungere l'Italia. Contattata da un connazionale aveva poi intrapreso un lungo viaggio, con tappa a Parigi, con la promessa di un lavoro da baby sitter in una famiglia italiana. La donna ha raccontato di aver pagato decine di migliaia di euro al connazionale ma, una volta arrivati a Torino, l'uomo l'ha consegnata alla coppia di nigeriani.

Secondo il racconto della ventiduenne la coppia la minacciava e la sottoponeva a un rito voodoo, durane il quale veniva anche costretta a bere un intruglio che sembra le abbia provocato dei grossi danni al'apparato riproduttivo. Grazie alle indicazioni della giovane donna la polizia e' riuscita a rintracciare un'altra ragazza nigeria di 21 anni sottoposta alle stesse angherie e sta ora indagando per individuare gli altri soggetti coinvolti nella tratta di esseri umani e sfruttamento della prostituzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog