Cerca

Napoli: per Pd ballottaggio dal valore doppio, obiettivo e' rifondazione/Adnkronos (3)

Politica

(Adnkronos) - E ancora oggi il Pd paga il prezzo della scelta delle primarie, soprattutto per la divisione dei due principali contendenti: Andrea Cozzolino, il vincitore con esito prima contestato e poi 'congelato', e Umberto Ranieri. Ancora oggi i due dimostrano di essere rimasti sospesi allo status di contendenti.

"Il Pd ha pagato un prezzo altissimo non legittimando le mia vittoria alle primarie", dice oggi Cozzolino accusando: "Quelli che lavoravano con Ranieri hanno cambiato idea". Stesso tono dall'altra parte: "La maggior parte di quelli che mi avevano incoraggiato, una volta appreso l'esito delle primarie, delusi, hanno deciso di cambiare idea". Toni che possono essere superati solo con un deciso cambio di pagina. Qualcuno, nel partito, aveva anche provato a suggerirla anche ai tempi della scelta di puntare su Morcone.

In una delle ultime direzioni qualcuno, come Matteo Orfini, aveva provato a suggerire un cambio decisivo, l'opportunita' di puntare su una scelta piu' politica e su un giovane, per esempio il segretario regionale Enzo Amendola. Altri avevano suggerito una scelta sul modello poi utilizzato a Catanzaro, dove il partito ha puntato sul 30/enne Salvatore Scalzo che ha si' perso, raccogliendo pero' un buon 33% e consentendo di fatto di 'rottamare' tutta la vecchia classe dirigente locale. Le opzioni ci sarebbero, percorribili. Per ora, pero', bisogna puntare alla vittoria di de Magistris. Poi si vedra'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog