Cerca

Ricerca: cachet contro il cancro, Gerry Scotti incontra scienziati 'adottati'

Cronaca

Milano, 18 mag. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Dopo aver rinunciato al suo cachet per lo spot sul 5 per mille di Fondazione Humanitas per la Ricerca, e aver destinato quei fondi all''adozione' di 4 giovani scienziati di talento, il presentatore televisivo Gerry Scotti torna nell'Irccs milanese per consegnare loro gli assegni che serviranno a finanziare un anno di studi sul cancro.

La cerimonia stamattina a Rozzano (Milano). I 4 cervelli destinatari degli assegni - Giovanna Finocchiaro, Enrico Lugli (in collegamento da un centro di ricerca di Washington), Federica Marchesi e Luca Toschi - potranno ora approfondire le loro ricerche. "Credo nei progetti che porta avanti Fondazione Humanitas per la Ricerca - spiega Gerry Scotti - In un momento di difficolta' per l'economia, che purtroppo si ripercuote negativamente anche sul taglio dei finanziamenti alla ricerca, ritengo doveroso offrire il mio contributo per valorizzare i giovani talenti impegnati in una sfida che condivido pienamente: battere il cancro".

Gli studi dei 4 ricercatori under 35 si distinguono per lo stretto legame fra laboratorio e attivita' clinica, in una logica di ricerca 'traslazionale' che consente di trasferire i risultati degli studi al letto del paziente. "La generosita' di Gerry Scotti - commenta Alberto Mantovani, presidente di Fondazione Humanitas per la Ricerca - contribuisce a far rientrare e trattenere nel nostro Paese quattro giovani di talento che hanno effettuato importanti esperienze all'estero. I loro progetti di ricerca affrontano sfide fondamentali per l'oncologia: migliorare la qualita' delle cure con terapie antitumorali sempre piu' mirate e sfruttare le nostre difese naturali contro big killer come il tumore del pancreas e del polmone".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nonadela

    29 Maggio 2011 - 20:08

    Complimenti per il gesto nobile di un'importanza eccezionale,bravo Jerri,sarebbe molto bello che altre persone, che ne hanno la possibilità,seguissero il suo esempio. Manuela (nonna triestina)

    Report

    Rispondi

blog