Cerca

D'Antona: Cgil domani lo ricorda, suo pensiero ancora attuale

Economia

Roma, 19 mag. - (Adnkronos) - Dodici anni fa, il 20 maggio del 1999, il giuslavorista Massimo D'Antona veniva barbaramente ucciso dalle Brigate Rosse a Roma in Via Salaria. Per ricordare il giurista, l'uomo politico e il gestore della cosa pubblica, la Cgil promuove anche quest'anno una commemorazione pubblica - che si terra' domani venerdi' 20 maggio a Roma sul luogo dell'omicidio brigatista (Via salaria angolo Via Adda) alle ore 12 - alla presenza di Guglielmo Epifani (presidente dell'associazione Bruno Trentin), Walter Veltroni (esponente del Partito Democratico), Renato Schifani (presidente del Senato) e Susanna Camusso (segretario generale della Cgil).

Nel ripercorrere il suo lavoro la Cgil sottolinea come ''risulti evidente il fatto che ancora oggi si sia in presenza di una vasta opera rimasta per molti aspetti incompiuta, a partire dal tema generale della rappresentativita' sindacale e della partecipazione, e che soprattutto dimostra la sua assoluta attualita'''. Anzi il complesso di risposte ai problemi posti da D'Antona, e alle soluzioni da questo individuate, ''segnano un forte ritorno al passato attraverso scelte politiche e soluzioni legislative che rimettono indietro i termini delle questioni''.

Solo per fare alcuni esempi di temi ''ancora attuali e irrisolti'', il sindacato ricorda come ''alla necessita' di definire nuovi sistemi di partecipazione dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali alle scelte aziendali e a quelle in tema di beni pubblici si e' risposto con l'accordo separato del 22 gennaio del 2009 sul modello contrattuale''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog