Cerca

Sicilia: Confindustria, segnale molto negativo differimento uso credito d'imposta

Economia

Palermo, 19 mag. - (Adnkronos) - ''L'ulteriore differimento sine die dell'utilizzo del credito d'imposta disposto dall'assessore regionale dell'Economia, Gaetano Armao, e' un segnale molto negativo che il Governo da' al sistema delle imprese ed al rilancio degli investimenti nell'Isola". Lo dichiara Ivan Lo Bello, presidente di Confindustria Sicilia, nell'apprendere che l'assessore Gaetano Armao con un decreto firmato ieri ha disposto il rinvio della fruibilita' del credito d'imposta che era previsto a partire dal prossimo 23 maggio.

"Ci sentiamo, peraltro, presi in giro - aggiunge il leader degli industriali -, considerato che lo scorso marzo Confindustria Sicilia aveva acconsentito al differimento del termine al 23 maggio su richiesta, in particolare, di qualche associazione, cosi' come l'assessore Armao ci aveva segnalato per iscritto. E' bene dire con chiarezza alle imprese - prosegue Lo Bello - che non ci sono le risorse per finanziare il credito d'imposta, la cui legge ricordo e' stata emanata ben due anni fa, piuttosto che illuderle di aspettative''.

''Le imprese siciliane - conclude Lo Bello - non credono piu' alla telenovela del Par Fas 2007-2013, ne' sperano in iniziative legislative per il finanziamento con fondi regionali del credito d'imposta, tenuto conto che il Governo ed il legislatore regionale hanno in agenda ben altre priorita' riguardanti la risoluzione di vertenze di lavoratori che orbitano nella sfera del pubblico, per i quali le risorse finanziarie sono sempre disponibili o comunque vengono reperite con artifici e soluzioni legislative alquanto discutibili''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog