Cerca

Barletta: appartamenti venduti con evasione fiscale fino a 60% del prezzo

Cronaca

Barletta, 19 mag. - (Adnkronos) - Oltre 160 appartamenti nuovi venduti evadendo tra il 40 e il 60% del prezzo reale: e' quello che hanno scoperto a Barletta e Andria i militari della Guardia di Finanza che stamane hanno eseguito nove ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari in esecuzione di una ordinanza del gip del Tribunale di Trani a carico di altrettanti imprenditori edili e costruttori del nord barese per una maxi evasione fiscale. L'operazione, coordinata dalla Procura di Trani, e' stata denominata 'Paradisi Perduti'. Le differenze di costo venivano corrisposte dagli acquirenti in contanti agli imprenditori o a persone di fiducia a loro vicine.

Nei rogiti notarili il prezzo veniva sistematicamente sottostimato. L'obiettivo era quello di nascondere al fisco i profitti ingentissimi assicurati dal mercato del mattone. L'evasione accertata tra il 2005 e il 2009 ammonta a 43 milioni di euro. Le indagini sono durate due anni. Gli arresti hanno interessato amministratori, soci, titolari e contabili/fiduciari (di societa' e imprese individuali) residenti ad Andria e Barletta. Questo sistema ha provocato effetti distorsivi del mercato e l'assenza di tutela delle fasce piu' deboli o a reddito fisso non in grado di procurarsi uan tale quantita' di denaro contante da corrispondere agli imprenditori. Gia' a maggio dell'anno scorso numerosi immobili, tutti realizzati di recente, molti dei quali gia' abitati, furono perquisiti unitamente alle sedi delle societa' e delle imprese coinvolte. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog