Cerca

'Ndrangheta: maxi confisca nel reggino, 5 societa' e 86 appezzamenti di terreno (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Le societa' sequestrate saranno gestite dagli amministratori giudiziari e successivamente sottoposte al controllo dell'Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati. La soddisfazione degli investigatori e' piena perche' il Tribunale di Reggio Calabria ha accolto interamente la richiesta avanzata dal direttore della Dia in ordine alla confisca.

''Nel corso del confronto come previsto dalla legge - ha fatto notare Falbo - la difesa di Tassone non e' riuscita a dimostrare la provenienza lecita del patrimonio''. Nell'operazione 'Arca', in cui l'imprenditore era rimasto coinvolto, si era accertata l'infiltrazione delle societa' di Tassone nei lavori di ammodernamento dell'A3 Salerno-Reggio Calabria sulle tratte Mileto-Serre e Mileto-Rosarno (nelle province di Vibo Valentia e Rosarno). Le metodologie di imposizione andavano dal 3% sugli appalti alle forniture di calcestruzzo.

Per eludere i problemi legati alla certificazione antimafia, l'imprenditore aveva intestato una societa' alla figlia, oppure in un altro caso ha costituito un'associazione temporanea di imprese facendo comparire come capofila una societa' pulita. Salvatore Domenico Tassone era rimasto coinvolto in un'altra vicenda giudiziaria relativa all'omicidio di Pierino Rullo, finito sotto inchiesta insieme all'imprenditore sulle presunte infiltrazioni nella costruzione della Diga sul fiume Metramo. Quest'ultima vicenda si e' conclusa con l'assoluzione di Tassone, mentre per l'omicidio Rullo e' stato condannato in via definitiva a sette anni e quattro mesi di reclusione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog