Cerca

Tabacco: a Caserta appello per sostenibilita' e sviluppo qualita' Burley (2)

Economia

(Adnkronos/Labitalia) - Masiello ha quindi chiesto rivolgendosi all'assessore regionale all'Agricoltura della Campania, Vito Amendolara, presente in sala "un supporto dalle istituzioni". "P er le imprese servono politiche -ha detto Masiello- di accompagnamento al mercato". Masiello ha quindi ricordato gli aspetti negativi che potrebbe avere sul comparto italiano del tabacco la direttiva europea, attualmnete in discussione, sul divieto di utilizzo di ingredienti nella manifattura delle sigarette.

"Una sola organizzazione manifatturiera, Philip Morris Italia -ha sottolineato Masiello- ha confermato l'acquisto di prodotto italiano, sia dal punto di vista della quantita' sia dal punto di vista del reddito anche per il prossimo triennio. Fa piacere che Philip Morris non sia scappata, non e' cosa da poco. Speriamo che a breve anche altri manifatturieri confermino gli acquisti -ha concluso - in modo da dare un po' piu' di respiro ai produttori".

E sugli effetti che il divieto di uso di ingredienti nella manifattura di sigarette potrebbe avere sulla filiera italiana, e' intervenuto Carlo Sacchetto, direttore dell'Associazione Professionale Trasformatori Tabacchi Italiani (Apti). "Giocando sull'emotivita' dei consumatori che non sanno cosa sono gli ingredienti c'e' un tentativo di vietarli nella manifattura delle sigarette, senza che ci sia uno studio scientifico che ne dimostri la nocivita' o la tossicita', o l'attrattivita'". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog