Cerca

M.O.: Obama, rivolte arabe come rivoluzione americana e lotta a segregazione

Esteri

Washington, 19 mag. - (Adnkronos) - In Tunisia la scintilla della protesta e' stato un uomo che si e' dato fuoco, "lo stesso e' successo a Boston quando la gente si e' rifiutata di pagare le tasse", e piu' tardi quando gli afroamericani "non hanno ceduto il posto sull'autobus". Cosi' il presidente americano Barack Obama, nel suo discorso al dipartimento di Stato, ha paragonato la scintilla della primavera araba al 'tea party' di Boston che diede inizio alla rivoluzione americana e ad uno degli episodi centrali della lotta contro la segregazione.

Obama e' poi tornato sul tema in conclusione del discorso ricordando la lotta contro la schiavitu' durante la guerra di secessione. "Io non sarei qui" se la gente non si fosse battuta per i diritti di tutti, ha detto ancora il presidente americano. "Gli Stati Uniti -ha affermato- sono stati creati con la convinzione che le persone scelgono chi li governa e noi siamo dalla parte di chi si batte per i propri diritti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog