Cerca

Toscana: Marcheschi, Regione ricorre a indebitamento per 171 mln

Economia

Firenze, 19 mag. - (Adnkronos) - ''Centosettantuno milioni di euro che graveranno sulle tasche dei toscani. Questo il valore del ricorso al debito (l'autorizzazione ad accendere mutui) che la Regione dispone con questa prima variazione dalla parte delle entrate''. Lo afferma in una nota Paolo Marcheschi, Consigliere regionale del PdL e Presidente della commissione di Controllo dell'assemblea toscana.

Per Marcheschi di tratta di un ''intervento discutibile sia per quanto riguarda gli investimenti che si andranno a fare, sia per quanto riguarda il rispetto del patto di stabilita'. In particolare, 150 milioni di euro serviranno per il completamento degli immobili, la ristrutturazione e l'acquisto di nuove attrezzature in campo sanitario, un settore che in questi anni in Toscana non ha certo brillato per capacita' di gestione dei soldi pubblici. Basti pensare - precisa Marcheschi - al clamoroso buco della ASL1 di Massa, uno dei tanti segnali di scricchiolamento del sistema gestionale della sanita' toscana''.

''Da valutare con attenzione anche lo spostamento dei 45 milioni di euro da spese di investimento a spese correnti, quali misure a sostegno dell'autonomia abitativa dei giovani (pagamento degli affitti). Operazione quanto mai criticabile e sulla quale invochiamo verifiche puntuali - accusa l'esponente del PdL - considerato che tali risorse fanno parte dell'ormai famoso 'tesoretto' del settore regionale casa, accumulatosi negli anni attraverso trasferimenti statali vincolati al recupero e investimenti nel settore dell'edilizia residenziale pubblica. E' ormai cronica l'incapacita' del centrosinistra toscano di gestire il patrimonio pubblico, e di valorizzarlo e recuperarlo come dovrebbe essere fatto''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog