Cerca

Commercio estero: Istat, ad aprile si amplia deficit Paesi extra-Ue

Altro

Roma, 20 mag. (Adnkronos)- Si amplia, ad aprile, il disavanzo commerciale con i paesi extra Ue, passato da -1,3 miliardi di aprile 2010 a -3,1 miliardi del mese scorso. E' quanto emerge dalla stima preliminare del commercio estero extra Ue, diffusa dall'Istat. Ad aprile 2011 i flussi commerciali registrano un tasso di crescita congiunturale pari a 2,4% per le importazioni e 2,8% per le esportazioni. Nell'ultimo trimestre la crescita congiunturale delle importazioni (+5,8%) continua ad essere piu' sostenuta di quella delle esportazioni (+3,6%). La crescita tendenziale si mantiene su tassi elevati: +30,0% per le importazioni, in accelerazione rispetto alle variazioni tendenziali registrate nei due mesi precedenti, e +17,8% per le esportazioni.

Ad aprile il disavanzo del comparto energetico e' piu' ampio rispetto ad un anno prima (-5,6 miliardi rispetto a -4,2). Tale disavanzo contribuisce per oltre il 75% all'ampliamento del deficit commerciale osservato rispetto ad aprile 2010. Si riduce anche l'avanzo nell'interscambio di prodotti non energetici: da 2,9 miliardi di aprile 2010 a 2,5 miliardi di aprile 2011.

I beni strumentali (+24,8%), i beni di consumo non durevoli (+15,5%) ed i prodotti intermedi (+12,5%) trainano la crescita delle vendite sui mercati extra UE, spiegando circa il 90% dell'aumento tendenziale delle esportazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog