Cerca

Sanita': lavoro e salute, il problema silice sotto la lente in Toscana

Cronaca

Firenze, 20 mag. - (Adnkronos) - Studiare la silice cristallina durante i processi produttivi per valutarne gli effetti tossici. Si occupa di un inquinante molto diffuso la ricerca - finanziata dalla Regione Toscana e realizzata insieme dalla Asl10 di Firenze, dai Dipartimenti di Chimica e di Scienze della Terra dell'Universita' di Firenze, dall'Arpat e dall'Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica (ISPO) - presentata oggi nel corso di una giornata di studi presso l'Universita' di Firenze.

La silice cristallina e' fra le materie prime usate nell'edilizia e nelle cave, nelle fonderie e nell'industria del vetro, nell'industria della ceramica e del cotto, nella sabbiatura e nell'industria orafa, fino ad arrivare all'agricoltura. Se alterata nella sua struttura chimica-fisica e respirata, puo' essere causa di patologie gravi, fra cui il cancro.

La ricerca scientifica mette a disposizione un innovativo strumento, l'indagine combinata spettroscopica e cristallochimica, per un'approfondita valutazione di tematiche sanitarie ed ambientali, che includono la silice libera cristallina e altri microinquinanti inorganici e che sono state illustrate durante la giornata. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog