Cerca

Terrorismo: Polverini, D'Antona voleva riformare il sistema, morto per questo

Cronaca

Roma, 20 mag. - (Adnkronos) - "Io sono sempre venuta, prima venivo da sindacalista e quindi ritengo giusto e doveroso essere qui tutti gli anni anche da presidente della Regione". Lo ha dichiarato Renata Polverini, presidente della Regione Lazio, al termine della cerimonia commemorativa per i 12 anni dalla morte del Massimo D'Antona, giuslavorista e professore di diritto, consigliere dell'allora ministro del Lavoro Antonio Bassolino, ucciso sotto casa dalle brigate rosse nel 1999.

"Una persona - continua Polverini - che ha dato tanto al mondo del lavoro, e che purtroppo per quello, e' diventato un bersaglio, una persona che ho avuto l'onore di conoscere e che quindi credo ogni anno meriti il nostro rispetto".

"Un grande riformista - prosegue il presidente della Regione - un giuslavorista appassionato del diritto del lavoro e soprattutto convinto gia' da allora, che c'era la necessita' di riformare il sistema, e che purtroppo e' morto proprio per questo". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog