Cerca

Bari: uccise le sue amanti madre e figlia e simulo' suicidio, scoperto dopo 7 anni/Il punto (3)

Cronaca

(Adnkronos) - L'inchiesta, dapprima archiviata come suicidio, e' stata riaperta dalla Procura della Repubblica di Bari sulla base anche delle motivazioni della sentenza di condanna di Alfonzetti da parte della Corte di Assise di Brindisi il 12 marzo del 2007 e confermata dalla Corte d'Appello di Lecce, il 25 giugno del 2009.

Il provvedimento cautelare recepisce la bonta' dell'impianto accusatorio, chiudendo definitivamente il cerchio sui due fatti di sangue legati a questioni economiche connesse all'eredita' delle due donne e alla necessita', da parte dell'uomo, di eliminare uno scomodo testimone, che lo avrebbe potuto accusare dell'omicidio della Lansmann.

Tra i nuovi elementi che hanno reso possibile il nuovo provvedimento restrittivo c'e' il ritrovamento da parte dei carabinieri, sul luogo teatro del presunto suicidio, in un canale di scarico delle acque reflue, di una busta in plastica contenente dei vestiti indossati, quel 17 gennaio, da Alfonzetti e di uno scaldacollo indossato dalla vittima il giorno prima della sua morte, quando si era recata in un'agenzia di viaggi di Modugno per l'acquisto di un biglietto aereo Bari-Parigi, ritrovato nella Bmw dai carabinieri. Circostanza questa che dimostra, secondo gli inquirenti, la volonta' di Eleonora di partire e non di farla finita. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog