Cerca

Siria, proteste in tutto il Paese: 21 i morti "Ue sta valutando sanzioni contro Assad"

Esteri

Damasco, 20 mag. - (Adnkronos/Aki) - In migliaia sono scesi oggi in piazza in Siria per protestare contro il presidente Bashar al-Assad. E' di 21 morti il bilancio provvisorio delle vittime degli scontri scoppiati durante le manifestazioni anti-governative che hanno avuto luogo in molte città del Paese dopo la tradizionale preghiera islamica di mezzogiorno, hanno riferito testimoni oculari alla tv araba 'al-Jazeera'.

Tra le vittime ci sarebbe anche un bambino di sette anni. E' quanto riferiscono fonti mediche, citate dal sito web del quotidiano 'Guardian', secondo cui tre persone sono morte nelle violenze a Bab al-Sbah, un quartiere di Homs.

Le proteste sono divampate in particolare a Daraa, Homs, Banias e Albukamal. A partire da questa mattina le principali tv satellitari arabe stanno seguendo in diretta gli avvenimenti, collegandosi con attivisti e testimoni e utilizzando i video diffusi dagli attivisti sul web per mostrare le immagini delle proteste. L'emittente qatariota parla anche di manifestazioni nei villaggi fuori le città di Damasco e Aleppo e sottolinea come "la popolazione abbia deciso di manifestare in strada nonostante la massiccia presenza dei militari dispiegati dal governo".

Sarebbero oltre cinquemila le persone scese in piazza nei pressi di Damasco. Lo riferisce al-Jazeera, citando un testimone, coperto da anonimato. La fonte ha anche denunciato le dimensioni della tragedia in atto nella zona di Tall Kalakh, vicino al confine con il Libano, dove da giorni le forze di sicurezza starebbero intervenendo per impedire ai siriani di entrare in Libano e sfuggire alla dura repressione delle proteste antigovernative. ''A Tall Kalakh - ha detto - è in corso un massacro''.

Le forze di sicurezza siriane hanno imposto il coprifuoco nelle località di Nemr, Jassem e Hara nella di Hawran, nell'estremo sud della Siria, alle porte di Daraa. Lo riferisce la pagina Facebook di Shaam News Network, precisando che nell'area non c'è elettricità.

Sempre a Daraa, in previsione della nuova giornata di proteste a conclusione dlele preghiere del venerdì, le moschee sono ''tutte occupate dalla polizia''. E' quanto riferisce la pagina Facebook di Shaam News Network, precisando che decine di mezzi stanno trasportando a Daraa personale delle forze di sicurezza siriane.

A Banias, invece, le forze di sicurezza avrebbero impedito alla popolazione di recarsi in moschea per le preghiere del venerdì.

I carri armati dell'esercito siriano hanno attaccato un villaggio che si trova a circa 30 chilometri a sud di Aleppo. Secondo quanto riferisce la tv araba 'al-Jazeera', i carri armati dell'esercito hanno attaccato Ma'arrat al-Nu'man dove era in corso una forte protesta della popolazione. Al momento si registrano diverse vittime.

Intanto il portavoce della Farnesina Maurizio Massari - nel corso del consueto briefing settimanale - ha riferito che dal Cae (il consiglio dei minsitri degli Esteri dell'Unione europea) di lunedì a Bruxelles arriverà la decisone di ampliare di una decina di nomi, compreso quello del presidente Bashr Assad, la lista di persone del regime siriano sottoposte a sanzioni, quali il il divieto ai viaggi, il congelamento dei beni e l'embargo sulla vendita di armi. Massari ha poi sottolineato che per l'Italia sono tre le precondizioni per la situazione in Siria: fermare le violenze, aprire il dialogo nazionale e avviare le riforme. Quanto alle sanzioni, ''c'è un consenso tecnico - ha detto Massari - ma data l'importanza della misura si è deciso lasciare la decisione politica alla riunone dei ministri''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog