Cerca

Turismo: Errani, occorrono politiche strutturali e non parole

Economia

Roccaraso (L'Aquila), 20 mag. - (Adnkronos) - "Questo Paese non ha una politica sul turismo e questo e' un grandissimo problema. Ribadire sempre che il turismo e' strategico e poi non fare nessuna scelta coerente, e' un problema molto serio, che in un momento di crisi come quello che sta vivendo il Paese non apre prospettive come invece sarebbe indispensabile in un asse dello sviluppo fondamentale come il turismo". Lo ha dichiarato Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni e Province autonome in occasione dei tre giorni di dibattiti e confronti sulle politiche di rilancio dell'industria del turismo organizzato dalla Regione Abruzzo a Roccaraso dal titolo 'Tourism Day'.

"Se a tutto questo aggiungiamo atti unilaterali da parte del governo, senza confronto con le regioni, e che producono piu' confusione che altro -ha aggiunto Errani- il problema e' molto serio. E' necessario quindi investire sulla rete, sull'innovazione delle strutture ricettive e sui servizi e su politiche coerenti ed integrate di promocommercializzazione, partire dai mercati di riferimento piu' importanti e soprattutto per posizionare l'Italia come merita nei mercati emergenti".

Secondo Errani "occorrono delle politiche serie perche' non ce le regala nessuno le posizioni sul mercato globale se non facciamo appunto una politica seria. Possiamo vedere che la Francia ed altri paesi europei hanno delle politiche industriali, cio' che manca in questo Paese. Noi siamo al palo e dobbiamo uscire da questo immobilismo: questo e' il punto centrale, cruciale. Il turismo e' un settore che richiede politiche strutturali -ha sottolineato Errani- mentre noi pensiamo che bastino le parole: no, non io parole non bastano servono fatti e azioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog