Cerca

Grecia, Fitch taglia il rating a B+

Economia

Londra, 20 mag. - (Adnkronos) - L'agenzia Fitch ha annunciato di aver tagliato di due livelli il rating a lungo termine della Grecia, che scende da BB+ a B+. In una nota Fitch motiva la decisione con "l'entità delle sfide che aspettano la Grecia nell'applicazione di una radicale riforma fiscale e strutturale" necessaria per garantire liquindità alle casse pubbliche e sostenere la riforma economica.

L'agenzia parla di rischi crescenti per il raggiungimento dell'obiettivo di un deficit pubblico al 7,5% del Pil nel 2011 e parla apertamente "di ostacoli tecnici e politici" alle privatizzazioni annunciate da cui lo Stato greco attende incassi per 50 miliardi di euro. L'agenzia tuttavia prevede che Ue e Fmi continueranno a erogare ad Atene gli aiuti previsti dal piano di salvataggio da 110 miliardi e che i bond greci non saranno sottoposti a una 'ristrutturazione soft' con un allungamento delle scadenze che - ammonisce Fitch - sarebbe considerato un default. L'agenzia condlude ricordando che in questo caso verrebbe colpita anche la credibilità dei programmi varati a favore di Irlanda e Portogallo, con un effetto negativo sulla stabilita' finanziaria dell'Eurozona.

Intanto gli ispettori del Fondo monetario internazionale (FMI), della Banca centrale europea (BCE) e della Commissione europea sono tornati a chiedere alla Grecia di accelerare le riforme economiche e sociali necessarie se vuole contare sull'erogazione della nuova tranche di aiuti internazionali. E' quanto emerso dalla missione della delegazione che nelle ultime due settimane ha verificato lo stato dei conti pubblici. Secondo il quotidiano greco Kathimerini gli ispettori internazionali hanno evidenziato l'inutilità di ulteriori controlli fino a quando il governo non avrà elaborato ulteriori misure di austerità e avviato la vendita dei beni dello Stato con privatizzazioni stimate in 50 miliardi di euro.

Nonostante il varo di un piano di salvataggio internazionale da 110 miliardi di euro la situazione di finanziamento della Grecia resta critica e il capo delegazione Fmi Thomsen, pur elogiando gli sforzi del governo di Atene, ha ammesso che difficilmente la Grecia sarà in grado di tornare sui mercati obbligazionari, come previsto, nel 2012. La quinta tranche di aiuti, del valore di 12 miliardi di euro, era prevista per giugno. Gli ispettori internazionali potrebbero tornare ad Atene la prossima settimana dopo l'annuncio da parte del governo dell'atteso piano di riforme di medio termine che dovrebbero includere tagli al settore pubblico e concreti aumenti delle aliquote fiscali, con i quali la Grecia prevede di risparmiare circa 23 miliardi di euro nel periodo 2012-2015.

La prossima settimana il premier greco George Papandreou sarà all'estero per colloqui con il presidente francese Nicolas Sarkozy a margine di una riunione dell'Ocse. Papandreou punta anche a incontrare la cancelliera tedesca Angela Merkel, che nei giorni scorsi non ha risparmiato forti critiche allo stile di vita dei greci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog