Cerca

Reggio Emilia: niente criminalita' dietro auto incendiata a imprenditore edile

Cronaca

Reggio Emilia, 20 mag. - (Adnkronos) - No fu un'intimidazione da parte della criminalita' organizzata l'incendio doloso che il 18 aprile scorso nella frazione Codemondo di Reggio Emilia ha distrutto la Volvo V70 dell'imprenditore cutrese 42enne Vito Oliverio, titolare della ditta edile Coedil. Lo ha accertato la squadra mobile reggiana al termine di un mese di indagini coordinate dal pm Luciano Padula.

Il rogo non sarebbe da inquadrare nel contesto del crimine organizzato bensi' nella sfera strettamente personale della vittima. La polizia ha anche individuato il presunto responsabile che e' gia' stato interrogato e avrebbe ammesso le proprie responsabilita'. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog