Cerca

Rifiuti: Sepe, Napoli una citta' sofferente ma non avvilita

Cronaca

Roma, 21 mag. - (Adnkronos) - "Vedo una citta' sofferente, ma non avvilita. Vedo tanta voglia di cambiamento e di riscatto, tanta energia e ricchezza umana, professionale, imprenditoriale e progettuale". E' quanto sottolinea il cardinale Crescenzio Sepe, intervistato dal quotidiano Avvenire, commentando la situazione di emergenza rifiuti a Napoli. Secondo Sepe "lo scempio ambientale determinato dalla presenza nelle strade di cumuli di rifiuti, l'immagine e l'esempio offerti non hanno costituito un buon presupposto formativo".

Gia' qualche anno fa il cardinale Sepe aveva esortato tutti alla preghiera "perche' nessuno puo' chiamarsi fuori dallo scempio di una citta' mai cosi' umiliata e mai cosi' in pericolo". Il cardinale ha piu' volte richiamato politici e amministratori affinche' sia restituita a Napoli la bellezza e ai napoletani la dignita'.

Lavoro, legalita' e giustizia sono i temi che il cardinale Sepe affrontera' nel corso del 'Giubileo per Napoli', "indetto soprattutto per risvegliare le coscienze e chiamare tutti gli uomini a un atto di responsabilita' e di impegno per realizzare il bene comune. Inoltre, non c'e' - conclude il cardinale - un'emergenza giovanile, ma educativa. Ci sentiamo fortemente impegnati su questo fronte, avendo posto al centro del proprio piano pastorale la famiglia e la scuola. Dobbiamo ripartire dai giovani e dal lavoro. Ma tutti devono mettere in gioco le proprie idee e le proprie capacita'".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog