Cerca

Milano: La Russa, c'e' mentalita' da anni Settanta (2)

Politica

(Adnkronos) - "Ho notato, girando con la Moratti e anche da solo -ha aggiunto La Russa- un clima che non registravo da molto tempo, di assoluta intolleranza, quasi che fosse vietato alla Moratti poter girare a propagandare la propria candidatura come sindaco in carica, quasi che Milano fosse appannaggio solo di chi sostiene Pisapia e agli altri fosse gia' vietato parlare".

"L'ho trovato veramente imbarazzante -continua La Russa- anche questo tentativo di mettere 10 persone con i fischietti a seguire la Moratti dove va, e' una cosa che non appartiene alla logica del centrodestra, ma neanche della destra piu' estrema. Andare a disturbare o aggredire l'avversario mentre parla con i propri elettori...".

"Invece -continua il ministro- e' diventata una costante della sinistra, non solo la piu' estrema. Questo e' un retaggio antico, di sopraffazione culturale, di non volonta' di accettare il confronto con gli altri. Hanno preso coraggio -conclude- pensano di avere gia' la possibilita' di imporre chi parla e chi non parla. E' un brutto presagio per Milano".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • minovitti27

    21 Maggio 2011 - 19:07

    al ministro La Russa si può solo rispondere, che loro hanno parlato per ben oltre un decennio e non abbiamo mai sentito dire cose concrete , ma soltanto barzellette da bettolai

    Report

    Rispondi

blog