Cerca

Firenze: Parisi (Pdl), dopo ennesimo attacco rinunciamo a sedi su strada

Cronaca

Firenze, 21 mag. - (Adnkronos) - ''Siamo stanchi di questa situazione: quanto accaduto oggi pomeriggio e' un crimine contro la democrazia. Mi chiedo cosa sarebbe successo se anziche' seguire diligentemente i consigli della Questura non avessimo rinunciato ad esercitare il nostro diritto di fare politica nella nostra sede; il sabato pomeriggio la sede e' infatti frequentata dai ragazzi del movimento giovanile e spesso e' luogo di riunione dei nostri dirigenti ed eletti''. Cosi' l'onorevole Massimo Parisi, coordinatore regionale del Pdl, conversando con i giornalisti davanti alla sede regionale del Pdl di Firenze, oggetto di un attentato che ha comportato la distruzione della vetrata principale e un principio d'incendio.

''Siamo di fronte ad una preoccupante escalation: non si sono limitati a sfondare la vetrina, ma lanciando i fumogeni all'interno della sede, vicino al nostro materiale propagandistico, avrebbero potuto causare un incendio. In questa citta' - prosegue Parisi - e' a rischio l'agibilita' democratica, poiche' ci viene negata la liberta' di esporre per strada, alle nostre vetrine, i simboli del nostro partito. Abbiamo pertanto deciso di lasciare questa sede. Ricordo infatti che poche settimane fa abbiamo subito un altro tentativo di sfondamento della vetrata, mentre la sede di Forza Italia di piazza Pier Vettori fu bersaglio di una bomba carta''.

''Sentiamo la responsabilita' di tutelare la sicurezza dei nostri militanti e dirigenti, e pertanto abbiamo deciso che abbandoneremo le sedi su strada - ribadisce Parisi -. Ringrazio l'assessore comunale Massimo Mattei che e' venuto in sede per portare la solidarieta' sua, del sindaco e dell'amministrazione comunale''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog