Cerca

Matera: cimelio bellico conteso tra Accettura e Tricarico, scoppia la 'disfida' del cannone (3)

Cronaca

(Adnkronos) - I tricaricesi hanno disancorato il cannone con una smerigliatrice, l'hanno imbracato ed issato con la gru sul camioncino. Lasciando vuoto lo spazio tra la statua della madre piangente e la stele dei caduti accetturesi. Il tutto e' durato pochi minuti. Poi l'opera e' stata completata a Tricarico con la sistemazione di entrambi i cannoni. Invece ad Accettura l'amministrazione provvedeva ad una rapida sostituzione del cimelio bellico per non lasciare sguarnito il monumento agli eroi ed ai caduti.

''Era un fatto previsto'', dice oggi il sindaco di Accettura. ''Era un impegno preso con la popolazione'', sottolinea quello di Tricarico. Nelle loro parole nessun astio, nessuna polemica, l'uno verso l'altro. La vicenda, pero', non passa inosservata. Anzi fa clamore. Soprattutto ad Accettura, non e' andata giu' quest'azione rapida - definita anche 'blitz' perche' del tutto improvvisa - ed alcuni l'hanno vista come un'offesa ai caduti, altri come un'offesa alla citta'.

Simbolismi e campanili a parte, la sostanza della questione diventa anche un'altra. Infatti sono in tanti ad interrogarsi su quanto valga un cannone rispetto a temi ben piu' seri proposti dall'attualita' come ad esempio l'emergenza droga che non risparmia i Comuni della Collina materana. Questi piccoli centri sembravano fuori dai giri delle sostanze stupefacenti, invece paurosamente aumenta il consumo tra i giovani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog