Cerca

Famiglia: Istat, donne sono pilastro delle reti di assistenza e cura

Cronaca

Roma, 23 mag. (Adnkronos) - In Italia le donne continuano ad essere il pilastro delle rete informale e dell'assistenza e cura, svolgendo in un anno 2,1 miliardi di ore di aiuto a componenti di altre famiglie su un totale di circa 3 miliardi di ore. Il Rapporto Annuale dell'Istat, che fotografa la situazione del Paese nel 2010, evidenzia che la rete di parentela e' sempre piu' stretta e lunga. Ogni potenziale 'care giver' (persona di 14 anni e piu' che fornisce aiuto gratuito a persone non coabitanti) ha meno persone con cui condividere l'aiuto nella rete di parentela, meno tempo da dedicare agli aiuti e un maggior numero di individui bisognosi di aiuti per un periodo di tempo piu' lungo.

Per l'Istituto diretto da Enrico Giovannini, la catena di solidarieta' femminile tra madri e figlie su cui si e' fondata la rete di aiuto informale, rischia di spezzarsi. Le donne occupate con figli sono infatti sovraccariche per il lavoro di cura all'interno della famiglia e le nonne sono sempre piu' schiacciate tra cura dei nipoti, dei genitori anziani non autosufficienti e dei figli adulti.

Le persone che si attivano nelle reti di solidarieta', fornendo aiuto gratuito a persone non coabitanti sono aumentate in misura significativa: dal 20,8 per cento del 1983 al 26,8 per cento del 2009. Di contro sono diminuite le famiglie aiutate (dal 23,3 per cento al 16,9), soprattutto tra quelle con anziani (dal 28,9 al 16,7 per cento). (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog