Cerca

Economia: Istat, produttivita' non cresce, difficile agganciare ripresa

Economia

Roma, 23 mag. (Adnkronos) - Per l'Italia quello appena finito e' stato un ''decennio perduto in cui la produttivita' non cresce''. Una ''debolezza dell'economia'' che ha riguardato ''l'intero sistema produttivo''. E' quanto rileva l'Istat che, nel rapporto annuale 'La situazione del paese nel 2010', evidenzia come il sistema produttivo sia caratterizzato da una ''debolezza complessiva'' rispetto ai mutamenti del contesto competitivo e, inoltre, sottolinea ''le difficolta' ad agganciare la ripresa in corso''. Nella recente fase di recupero dell'attivita' produttiva, si legge, ''l'input di lavoro totale ha continuato a diminuire ma con un ritmo via via attenuato sino a mostrare un primo segnale, ancora incerto, di inversione di tendenza all'inizio del 2011''.

Secondo l'Istituto di statistica ''l'impatto comparativamente maggiore della crisi e' legato soprattutto alla vistosa caduta dell'attivita' nel settore industriale, in ragione della specializzazione relativa nella manifattura e, in particolare, nel comparto dei beni strumentali, che caratterizzano la nostra economia''. La ripresa della produzione industriale, inoltre, secondo l'Istat, ''e' stata solo parziale e si e' affievolita dalla seconda meta' del 2010. D'altro canto, il settore delle costruzioni ha mantenuto in Italia, come nell'Uem, una tendenza negativa.

Il confronto con le fasi cicliche precedenti ribadisce che l'ultima crisi economica ''e' di gran lunga il piu' grave del secondo dopoguerra''. Ma la successiva fase di espansione ''risulta di intensita' minore rispetto a quelle osservate nel passato''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog